domenica 16 novembre 2008

"Post" aperto al ... "nano cattivo".

Caro "nano cattivo",

ho letto le tue esternazioni (eufemismo) odierne sui fannulloni.
Veramente è ora che tu ed il tuo capo, e molti altri della tua risma, la smettiate di esternare; tenetevele per voi, così eviterete di dire "puttanate" e di fare, perciò, brutte figure!

Ho passato 41 anni come dipendente pubblico e, quindi, posso parlare anche perché ho, senz'altro, molta più esperienza di te.

Ne ho viste di tutti i colori: ho trovato dipendenti che facevano i propri comodi, quelli che tu chiami fannulloni, altri che falsificavano le firme (allora non c'erano i cartellini e le tessere marcatempo), altri ancora incapaci (dai dirigenti all'ultimo fattorino), però ho trovato anche persone preparate e coscienziose, persone che facevano il proprio dovere e altre che andavano oltre il proprio dovere, senza pretese.

E tutta queste persone che ho incontrato e conosciuto, quindi "buoni" e "cattivi", erano di destra e di sinistra, democristiani e socialisti, comunisti e fascisti (di questi ne ho conosciuti alcuni che venivano dal regime ed erano stati prima epurati e poi riammessi in servizio), liberali e radicali, della sinistra estrema e della destra estrema.

Insomma il buono ed il cattivo si trovava dappertutto.

Però voglio fare una precisazione: quella che falsificava le firme e segnava ore straordinarie senza farle era ... socialista, del tuo partito! Ha fatto anche carriera politica in ambito comunale e, inoltre, ... attaccava le gomme americane sotto i bordi dei tavoli! Che schifo!

8 commenti:

Romina ha detto...

Sono d'accordo con il tuo sfogo. D'altra parte questo è il centrodestra: spara giudizi forti e affrettati, tagliati con l'accetta, per ottenere facili consensi, facendo leva sull'eterna diffidenza di tanti nei confronti di determinate categorie.
Usare parole rozze e fare di tutta un erba un fascio stimola i sentimenti peggiori di una parte della gente, che non ama soffermarsi a ragionare in profondità, e consente di farsi passare per bravi e moralizzatori.

In realtà questo centrodestra non potrebbe certo ergersi a moralizzatore, solo che, a differenza del centrosinistra, sa "comunicare" astutamente, nel senso che asseconda determinati sentimenti popolari, compresi i più beceri e indifendibili. Si s piega così parte del suo successo.

Buona giornata. :)

Niente Barriere ha detto...

io penso che sia ora che gli italiani trovino il modo di dire basta a questa fiction politic contaggiosissima sia a destra che a sinistra (un nuovo totalitarismo gentile).
Mentre loro recitano una parte all'ora l'italia è in bancarotta..
t'invito sergio a guardare l'ennesimo esempio di quanto dico nel mio ultimo post.

ps. sto facendo una fatica immensa a continuare col blog, ho lo schifo a raccontare sempre le stesse cose e a non vedere anche piccoli risultati in quest'italia allo sbando.

Aliza ha detto...

tanto quelli non leggono i nostri commenti, non gli interessano, dicono quello che dicono con intenzione, per me sono disonesti. mentono sapendo di mentire e sembrano sicuri che nessuno gli chiederà le prove di quello che dicono.
Ho letto sulla rivista "Chi"(a casa di mia suocera io non la comprerei mai) ho letto un articolo di diverse pagine pieno di foto a colori (sembrava uno spot pubblicitario) dicevo ho letto un articolo sul"nanocattivo" e le sue "morose" tutte bellissime e alte, come la moglie di Obama.
Dimmi era una campagna pubblicitaria vero?? Baci A.

Sergio ha detto...

@romina: "Usare parole rozze ..."; esatto Romina, oggi la politica è fatta da queste persone che, però, rappresentano una società altrettanto rozza!

@niente barriere: coraggio e spera!

@aliza: "tanto quelli non leggono i nostri commenti ...."; io, invece, spero che qualcuno di "quelli" legga i nostri post ed i nostri commenti e chissà che si trovi "folgorato sulla via di damasco"!!!

stella ha detto...

Caro Sergio mi stringo a te!

sirio ha detto...

Sergio,chi lavora (o ha lavorato)con coscienza viene comunque sempre danneggiato dagli opportunisti,dai carrieristi,dai raccomandati ecc.ecc.

Ha ragione Romina,una volta arrivati "LA' " diventano tutti uguali e fanno a gara a chi cerca di imbonire meglio.

Nessuno ci ascolta,o ci legge? Io penso di no,perchè sanno che nei nostri blog non facciamo prime pagine per lo scoop...!!

Buon pomeriggio.

Sergio ha detto...

@sirio: io resto, comunque, sempre ottimista e, quindi, spero che qualcuno legga blog e commenti e ... si converta!!!
E se non si converte, allora peggio per lui!!! ed anche per noi!!!

Frank57 ha detto...

Caro Sergio, in tempi diversi abbiamo espresso la medesima amarezza (super eufemismo!!!). Ma è così facile parlare in modo generico, sapendo che quelli della loro parte non gliene chiederanno mai conto. E ciò che alle persone di buon senso pare anomalo e irragionevole, per loro è la norma. Si sono ormai create due Italie nel modo di vivere, di pensare, di interpretare i fatti: un digital divide sociale, uno spacco che si allarga sempre di più. E loro sono intrisi di cattiveria, talvolta sottile, ma disgregante. Noi, loro: brutto modo di esprimersi, mi ci vedo costretto per differenziarmi.
Essere poi generici, superficiali è quanto chiede buona parte delle persone che non amano sottilizzare, distinguere, precisare, in altri termini ragionare per capire una questione, un problema, una situazione. I programmi televisivi riflettono questa primitiva e rozza esigenza. E, tanto per tornare a Renatino, il suo decreto temo sia stato sottovalutato, perchè l'impatto è devastante. Un decreto criminale, come ho avuto modo di scrivere.
Cari saluti :-)
Frank57