venerdì 14 marzo 2008

Pannicelli caldi contro le polveri sottili!

Riporto una notizia apparsa oggi su Il Gazzettino:
_______________

VENEZIA - Nell'aria ci sono troppe polveri sottili (il famigerato parametro Pm-10), tanto che ieri il livello di guardia è stato superato per il trentacinquesimo giorno consecutivo. Così il sindaco Massimo Cacciari ha firmato un'ordinanza, che sarà in vigore fino al 15 aprile, per limitare l'utilizzo degli impianti termici per il riscaldamento civile. In base al provvedimento, la temperatura nelle case, negli uffici e nelle scuole e in edifici assimilabili, non dovrà superare i 19 gradi, mentre la temperatura nelle industrie e nei laboratori artigianali non dovrà oltrepassare i 17. Inoltre gli impianti alimentati da combustibili liquidi o solidi, dovranno essere spenti dalle ore 14 alle ore 16 di ogni giorno. Ci saranno ispezioni da parte di tecnici di Arti e per i trasgressori ci saranno multe fino a 2.582 euro.

_____________________

Uno studio dell'Arpav rivela che le polveri sottili prodotte dagli impianti di riscaldamento incidono per il 4%, mentre quello provocato dalle navi, che transitano davanti a Piazza San Marco e che stazionano a pochi metri dalle abitazioni, è del 10%.

Quindi, emettere ordinanze solo per ridurre il riscaldamento, è come curare il tumore con l'acqua calda!

Ma le navi, le grandi navi da crociera, che usano combustibili ad alto tenore di zolfo, non si toccano perché si andrebbe ad incidere sui guadagni delle grandi compagnie di navigazione e sui pochi che, a Venezia, girano attorno a questo "businness".

Ma, forse non tutti sanno che la MCS, la compagnia armatrice delle grandi navi, ha sponsorizzato, con qualche migliaio di euro, i grandi eventi veneziani (Regata Storica e Redentore); ed allora, è diventata intoccabile!

Una direttiva europea prevede che le navi, una volta entrate nei porti, usino combustibili allo 0,5% di zolfo. La direttiva in questione non è stata acquisita dallo Stato italiano ed allora le navi usano combustibili al 5%!

Infine c'è il problema del moto ondoso che rovina i fondali e le pietre di Venezia.

Clicca qui per vedere una grande nave che manovra davanti a Piazza san Marco

Ma la MCS ha dato un po' di spiccioli!

2 commenti:

Daniele Verzetti il Rockpoeta ha detto...

E' sempre così. Criminalizzano i nostri modesti consumi per distogliere l'attenzione da chi e da ciò che davvero inquina...

Romina ha detto...

E' la solita storia. Abbiamo il medesimo problema qui a Modena, e a volte è stato attuato il traffico a targhe alterne il giovedì pomeriggio. Sai che soluzione!