domenica 17 settembre 2006

Grazie San Marco!

Da questa mattina, anzi da questa notte, qui a Venezia sta “scravassando” (scravassar= termine onomatopeico veneziano che indica il piovere a scrosci).
Grazie San Marco!
Ma c’è di più: la marea, anche aiutata dal vento e dalla bassa pressione, ha raggiunto + 90 cm. sul “medio mare”; quindi la Piazza (ovviamente l’unica piazza di Venezia, quella di San Marco, tutti gli altri spazi vengono chiamati Campi) è andata sotto acqua, così come altre parti, quelle più basse, della Città.
Grazie San Marco!
Ma perché, si chiederà qualcuno, ringraziare il santo protettore della città per questi fatti meteorologici?
Grazie San Marco perché facendo piovere a dirotto ed alimentando la marea hai permesso il fallimento dell’invasione dei “padani”, richiamati dal capo sciamano a celebrare i loro riti celtici, offensivi e razzisti.
Gli anni scorsi, però ogni anno sempre meno, c’era, nella mattinata, un continuo affluire di fazzoletti e cappellini verdi, di bandiere con il sole celtico e, purtroppo di bandiere, quelle ad uso turistico, con il Tuo simbolo.
Questa mattina, sotto la pioggia, sono uscito per “controllare” e, grazie San Marco, non ho visto cappellini e fazzoletti verdi e neppure una bandiera!
Grazie San Marco!

7 commenti:

Gigliana ha detto...

Questi ringraziamenti a San Marco sono simpatici. Non ho mai visto compiere "riti celtici", però immagino che, probabilmente, certi leghisti se li siano inventati di sana pianta. Sul post c'è scritto che sono riti "offensivi e razzisti". Speravo che fossero soltanto pittoreschi, del genere "divertimento domenicale", ma evidentemente mi illudevo. Eh...con la Lega non si può mai stare tranquilli.

sergio ha detto...

x Gigliana:
effettivamente mi sono espresso male; non sono i "riti celtici" offensivi e razzisti ma i leghisti stessi.

Razzisti perchè basta semtire cosa propinano i capi al loro popolo "padano" ed offensivi perchè, con i loro proclami, offendono la normale intelligenza umana!!!

Come chiami il rito dell'ampolla dell'acqua raccolta sul Monviso alle sorgenti del Po? Loro l'hanno chiamato a suo tempo "dio Po".

sergio ha detto...

Integrazione al "post"

La stampa di oggi scrive che ieri, nonostante la pioggia, c'erano leghisti in Riva dei 7 Martiri (vedi nota).
Se c'erano, per TV ne ho visto pochi, erano arrivati direttamente dal Tronchetto (località dove fermano i pullman) con vaporetti organizzati all'uopo.
Comunque l'importante è che in giro per Venezia non se ne sono visti!
__________
NOTA: La Riva dei 7 Martiri viene chiamata così perchè lì, durante la seconda guerra mondiale, furono fucilati sette prigionieri politici per ritorsione in quanto alcuni giorni prima era sparito un marinaio tedesco di sentinella. Successivamente il tedesco venne a galla e fu accertato che era morto annegato in quanto ubriaco!

sergio ha detto...

Seconda integrazione.

Il gazzettino di oggi, fra l'altro, scrive:
"... Per il resto, Venezia non risente del passaggio della Lega. Il centro storico sembra non curarsi della manifestazione che, anche a causa della pioggia, risulta meno impattante e sotto tono. In ogni caso, sui davanzali non ci sono bandiere esposte nè gonfaloni. Resiste solo la signora Lucia, con l'immancabile tricolore e i colori della pace. Una bandiera, quest'ultima, che per una volta mette finalmente d'accordo tutti".

Gigliana ha detto...

Stando a queste informazioni, sembra proprio che ci sia una disaffezione nei confronti di certe "sceneggiate" nordiche. Sull'offesa alla normale intelligenza umana sono pienamente d'accordo, come sai già. Stupisce il fatto che la Lega abbia ancora dei seguaci, peraltro, a quanto pare, in diminuzione.
Speriamo che tale decrescita prosegua senza intoppi. Forse San Marco continuerà a dare una mano...
Saluti

Toni ha detto...

Bossi e Padani devono andare altrove ad attirare le ire di S.Marco. Ieri due dei miei tre figgli hanno avuto la casa allagata. Caro S.Marco il terzo mio figli si chiama proprio Marco e se non vuoi che lo chiami Gennaro , vedi di annegare Bossi e tutti i suoi ladri di Vessilli (proprio il tuo, caro S.Marco) e di Inni (Verdi si sta rotolando in tomba) in una esondazione del suo cesso!

sergio ha detto...

x Toni:

La prossima volta sarà bene che San Marco e San Michele (patrono di mestre) si mettano d'accordo!