sabato 17 settembre 2011

Dimostranti, forze dell'ordine e leghisti ... a Venezia

Quest'oggi, essendo andato fuori città, quando sono ritornato, alle ore 14,00, ho trovato, fuori dalla stazione di Venezia, un nutrito schieramento di forze dell'ordine in tenuta antisommossa; aspettavano i contestatori della lega che domani sarà a Venezia per quella che chiamano "festa padana".
Venezia non è mai stata leghista e sopporta malvolentieri queste pagliacciate (l'ampolla dell'acqua del Po, il sole celtico, la padania). 
La manifestazione di quest'oggi era stata autorizzata a muoversi solo in zone limitate e questo non andava bene ai manifestanti; per questo hanno tentato di aprire un varco fra le forze dell'ordine (davanti c'erano alcuni consiglieri comunali con le braccia alzate). Ma, evidentemente, gli ordini del ministro (Maroni) era senz'altro quello di essere duri; e sono stati, da subito, molto duri. Il consigliere comunale Beppe Caccia è finito a terra per una manganellata in testa. Il sindaco Orsoni ha chiesto al prefetto  di lasciare che la manifestazione arrivasse in piazza (San Marco), ma ... agli ordini non si può disobbedire!!!.
Da casa sentivo urla e slogan, ma, soprattutto, il rumore assordante di un elicottero della polizia che, per due 
ore ha volato, a bassa quota, sopra casa mia (vedi foto).
Certo non era piacevole (a mia moglie è venuto mal di testa) e, secondo me, avrebbe fatto meglio ad aiutare nella ricerca del corpo di un giovane che venerdì notte, per un incidente nautico, è scomparso nella acque della laguna. 
Domani ci sarà la "calata dei barbari" (secondo me saranno pochi rispetto agli anni scorsi) e troveranno ad accoglierli "Giove Pluvio", ma anche i dimostranti odierni che, senz'altro, saranno presenti in città. Se oggi li avessero lasciati manifestare  liberamente senza usare, invece, un rigido ed insensato divieto, ci sarebbero meno preoccupazioni per domani.

5 commenti:

Aliza ha detto...

poveri noi... l'ignoranza e la barbarie imperano, speriamo bene per oggi. Ciao

sirio ha detto...

Bentornato, Sergio!
Quello che ho potuto vedere in tv è semplicemente vergognoso , e mi sto trattenendo dal profferire parolacce.
Ciao, a presto.

Toni ha detto...

"Ariva i barbari a cavalo,
i ga do corni par capelo. . . "
Ma sotto le corna niente.

Sergio ha detto...

E' vero, due commentatori hanno stigmatizzato l'ignoranza di questi personaggi.
Ad esempio, Gobbo, il segretario della Liga Veneta, di Treviso, nel suo intervento del giorno dopo sulla Riva dei Sette Martiri, ha affermato che ... "la repubblica di Venezia, la Serenissima, è l'antesignana della "padania" .... ".
Ma come se le inventano queste stupidaggini?
Possiamo ben dire che ignora la storia della repubblica di Venezia, la Dominante, come usava chiamarsi!!!

Claudio ha detto...

La ridicola e vergognosa "esibizione" dei leghisti,animati da fini secessionisti e guidati da ministri che hanno spergiurato fedeltà alla Repubblica rappresenta,fortunatamente,l'atto pressochè finale della sciagurata alleanza messa in piedi in combutta con un arricchito perverso.Ma quello che più è insopportabile è stato l'atteggiamento delle forze dell'ordine,che,alla presenza del Ministro dell'Interno(a suo tempo condannato per reati contro la forza pubblica!)hanno allontanato dei pacifici cittadini che in territorio italiano esibivano in piena legittimità la bandiera nazionale.Vergogna!