sabato 30 ottobre 2010

Inizia, a Venezia, la stagione delle "acque alte"

Siamo nella stagione giusta per quanto riguarda l'acqua alta a Venezia.
Il fenomeno è in aumento e questa tendenza è iniziata con i lavori (MO.SE) che dovrebbero "salvare" la città; infatti sono in aumento le frequenze, cioè il numero dei giorni nell'anno, e le misure. 
Siamo sicuri poi che questo "salvataggio" sia proprio quello giusto? 
Come sarà la nostra laguna quando resterà chiusa per lunghi periodi?
Il video che segue raccoglie una serie di immagini relative a due "acque alte" verificatesi negli ultimi anni e la musica che l'accompagna ... "è tutta un programma"!!!
Le foto sono di Guido Jaccarino, architetto veneziano, che, gentilmente, me le ha passate. 
 


5 commenti:

Aliza ha detto...

bello e terribile Sergio...e non c'è nessuno in cui sperare....anche la bonifica in campagna è saltata. Con gli acquazzoni tropicali degli ultimi tempi condividiamo il destino, anche se Venezia è preziosa e delicata come i suoi vetri e la perdita è insostituibile. Come siamo insensati...siamo al requiem davvero. Ciao e buona domenica

PAOLO ha detto...

L'inizio della marea più alta del normale è cominciata due anni fa. Guarda cosa scrivevo in gennaio 2010

http://lido-ve.blogspot.com/2010/01/pensionati-e-mose.html

Ciao
Paolo

www.altrolido.com

Toni ha detto...

Purtroppo le cose vanno proprio male. E i politici le fanno andare peggio.Ma se alcuni di loro per decidere di realizzare il progetto MO.SE si sono sbranati per decenni,altri pensavano di sollevare tutta Venezia con il sisteme usato per la casa dei sette camini a Santa Marta. Non si riesce a capire in quanto tempo.
Intanto a Venezia si canta già il Dies Irae.

sirio ha detto...

Avevo già sentito pareri discordi su questa ciclopica opera, proprio sul fatto della sua reale utilità.
Onore a Mozart, la Messa da Requiem è un capolavoro assoluto, anche se incompiuta.
Bentornato Sergio, buona serata!

maite ha detto...

C'est bien triste....A presto !