lunedì 17 dicembre 2007

22 dicembre - Concerto di Natale per il "Progetto meniños - frei Giorgio"




Sabato 22 dicembre p.v., alle ore 20,45, presso la Sala Capitolare della Scuola Grande San Giovanni Evangelista, saranno in concerto il Coro Femminile Plinius di Adria, diretto da Antonella Pavan ed il Coro Marmolada di Venezia, diretto da Lucio Finco.
L’evento è organizzato da un gruppo di associazioni veneziane che sostengono il “Progetto meniños - Frei Giorgio”, un impegno per far conoscere e combattere la povertà, l’ingiustizia e l’emarginazione delle “favelas” brasiliane, in particolare nei confronti dei bambini e dei ragazzi accolti nelle strutture dal C.E.P.E, il centro fondato a San Paolo del Brasile dal domenicano veneziano “frei” Giorgio Callegari.
Il Coro Marmolada è “testimonial” del “Progetto meniños – Frei Giorgio” e le Associazioni veneziane che sostengono questo impegno sono l’“Associazione Arco Acuto” e l’”Associazione Amici della Colonia Venezia di Peruibe”
L’Assessorato alla Cultura e l’Assessorato alle Politiche Sociali del Comune di Venezia aderiscono all’evento.
Fra i canti in repertorio, il Coro Marmolada proporrà anche “Vamos Construir”, il canto dei bambini della Colonia Venezia di Peruibe che, nella tournée brasiliana dell’anno scorso, il coro ha eseguito assieme a loro e per loro.
Al concerto sarà presente frei Mariano Foralosso, domenicano originario di Scaltenigo, continuatore dell’opera di frei Giorgio Callegari.
L’ingresso è libero.

******

Ma il post continua con la presentazione del canto simbolo di questa iniziativa, "Vamos Construir".


Durante uno dei primi incontri, a casa dei signori Annamaria e Giovanni Gabrieli (lei è presidente dell’Associazione Amici della Colonia Venezia di Peruibe), organizzati allo scopo di concordare l’attività del coro al fine di organizzare alcuni concerti nei quali raccogliere fondi per il finanziamento dell’opera iniziata da Padre Giorgio Callegari, ci fu presentata una video-cassetta, registrata con Padre Giorgio a San Paolo ed a Peruibe.
Vi si vedeva come operava l’organizzazione che, anche con enormi difficoltà, era riuscita, e riusciva quotidianamente, ad intervenire nell’istruzione dei bambini e dei giovani e ad assicurare il vitto giornaliero a numerose famiglie povere delle “favelas”.
C’erano sempre molti bambini che attorniavano Padre Giorgio e che, nonostante tutto, sorridevano.
Ad un certo punto della registrazione si sentiva un bambino che, accompagnato da una chitarra, iniziava un canto; al primo ritornello si univa un’altra voce. Il canto era molto dolce e melodico. Nel proseguire delle strofe si univano altre voci, sempre di bambini, finché alla fine era veramente un coro che cantava: “Vamos Construir Uma Ponte Em Nos / Vamos Construir, Pra Ligar Seu Coraçao Ao Meu / Com O Amor Que Existe Em Nos!”
Restai subito affascinato da questo canto e, quando, terminata la riunione, uscii, ne ebbi conferma dall’amico Rolando perché anche lui aveva vissuto le stesse mie emozioni.
Tutti e due pensammo subito che sarebbe stato bello che anche il Coro Marmolada potesse cantare “Vamos Construir”.
Esistevano, però, delle difficoltà tecniche. I nostri ospiti di quella sera non erano in possesso dello spartito e, neppure interpellando la Colonia Venezia di Peruibe, furono in grado di procurarcelo. Esistevano solo il testo con gli accordi per l’accompagnamento della chitarra e la colonna sonora della video-cassetta.
Colonna sonora, testo ed accordi furono affidati ad una musicista, la M.a Stefania Caggiula, che, con perizia, ricostruì la linea melodica su spartito. Eravamo a buon punto! Era necessaria, ovviamente, un’armonizzazione che si adattasse alle nostre voci.
Fornimmo la linea melodica ad alcuni musicisti perché procedessero all’armonizzazione, precisando che il coro n’avrebbe scelta una: ci sono pervenute solo due armonizzazioni, una della stessa M.a Caggiula ed un’altra del M.o Michele Peguri, e la scelta del coro cadde su quest’ultima.
Ovviamente, dovendo eseguire il canto pubblicamente, il coro è tenuto ad indicare gli autori. Un’altra ricerca! Per fortuna c’è venuto in soccorso José de Rezende Ribeiro, presidente del Centro Ecumênico de Publicações e Estudos “Frei Tito” di Alencar Lima (CEPE), un’Ong fondata da frei Giorgio Callegari, che ci ha fornito queste informazioni: il canto “Vamos Construir” è la versione brasiliana di "Love can build a bridge" (L'amore può costruire un ponte) di John Barlow, Paul Overstreet e Naomi Judd, canzone creata, sembra, per conto dell’UNICEF. Nel 1992 fu eseguita e registrata la versione brasiliana intitolata “Vamos Construir” ed il relativo testo è opera di due ragazzi del Centro della Gioventù, Fejo e Dena.
Il canto è ora diventato quasi un inno della Colonia Venezia di Peruibe e noi del “Marmolada” siamo stati felici di averlo potuto cantare con loro, nell’incontro che ebbimo a Peruibe il 28 e 29 novembre del 2006, e per loro durante i nostri concerti, soprattutto in quelli dedicati al “Progetto Meniños – frei Giorgio” del quale il Coro Marmolada è “testimonial”.

Ecco il testo di “Vamos Construir” in portoghese

Sei Que Ainda Sou Criança
Tenho Muito Que Aprender
Mas Quero Ser Criança
Quando Eu Crescer
Nosso Mundo É Um Brinquedo
Com Pecinhas Para Unir
Ele Sera Todo Seu,
Se Voce Pensar Assim.

Vamos Construir
Uma Ponte Em Nos
Vamos Construir,
Pra Ligar Seu Coraçao Ao Meu
Com,O Amor Que Existe Em Nos!

E Voce Que É Gente Grande
Também Pode Aprender
Que Amar É Importante
Pro Meu Mundo E Para O Seu
Mas Eu Tenho A Esperança
De Voce Ser Meu Amigo
De Voltar A Ser Criança,
Pra Poder Brincar Comigo

Vamos Construir
Uma Ponte Em Nos
Vamos Construir,
Pra Ligar Seu Coraçao Ao Meu
Com,O Amor Que Existe Em Nos!

Tudo O Que Se Sonha
Com Amor Se Pode Conseguir
Por Que Tudo È Assim, É Assim
E A Gente Vive Muito Mais Feliz!

E la traduzione in italiano.

So che finché sono ancora bambino / Ho molto da imparare / Ma voglio restare bambino quando crescerò. / Il nostro mondo è un giocattolo. / Con piccole cose per unire. / Sarà tutto tuo, se tu penserai così
Andiamo a costruire un ponte tra noi. / Andiamo a costruire, per legare il tuo cuore al mio, / Con l'amore che esiste in noi!
E tu che sei persona adulta / Puoi anche imparare / Che amare è importante per il mio mondo e per il tuo. / Ma io ho la speranza / In te che sei mio amico / Che torni a esser bambino, per poter giocare con me.
Andiamo a costruire …
Tutto quello che si sogna / Con l'amore si può ottenere. / Perché tutto è così, è così / E la gente vive molto più felice.
Andiamo a costruire …


Cliccate qui per ascoltare "Vamos Construir" cantato dai bambini della Colonia Venezia di Peruibe (SP) Brasile

1 commento:

Daniele Verzetti il Rockpoeta ha detto...

La sto ascoltando, è bellissima

Peccato non poter essere quella sera con voi.

Costruiamo basi solide
Per un futuro nuovo

Soprattutto diverso da questo.

Daniele