lunedì 10 dicembre 2007

La “pietra” rapita



Quella che vedete qui sopra è la riva privata del condominio dove risiedo.
Come noterete senz’altro, manca qualcosa e cioè una delle due “colonne” in pietra d’Istria e la “palla” dello stesso materiale.





In questa fotografia si vede il danno da un’altra visuale.

Oltre ai delinquenti di cui al post sottostante, nella mia città ci sono anche coloro che trafugano pietre lavorate che stavano lì da qualche secolo! Nel caso specifico il palazzo è del ‘600 ed il progetto era di Baldassare Longhena.
Al primo momento si è pensato ad un danno causato da qualche “barcaro” dalla guida spericolata e si sperava di trovare il materiale in acqua, ma così non è. Si tratta, invece, di furto, ovviamente su commissione, perpetrato nella notte fra il 6 ed il 7 dicembre e la nostra paura è che possa sparire anche l’altra “colonna”, in quanto chi ha ordinato il furto con un solo pezzo non se ne fa alcunché. Invece quando avrà tutti due i pezzi potrà inserirli come “ingresso” per un giardino, non a Venezia, ma fuori, forse all’estero.





Particolare

Chi dovesse vederle da qualche parte ... mi avverta! GRAZIE!

3 commenti:

silvia ha detto...

CHE SCEMPIO!! E' incredibile!!!

corobi ha detto...

Sarà stata una vendetta per via del post precedente ??? :-/

Sergio ha detto...

@ corobi: spero proprio di no, altrimenti mi aspetto sul serio che sparisca anche la seconda colonna.
E', comunque, un palazzo preso di mira perché, non più tardi di un mese fa, da un appartamento, quello degli eredi dei patrizi veneti costruttori del palazzo, sono spariti dei quadri del '600. Questo è senz'altro un furto su commissione anche perché la sala dalla quale sono spariti, veniva affittata ad un "catering" che allestiva cene con personaggi di "alto livello" fra i quali si nasconde sempre qualche amatore d'arte!!!