giovedì 24 giugno 2010

Post d'attualità e di saluto.

Non ne facciamo una tragedia. Sarebbe meglio dire ... non ne facciano, i giornalisti ed i "media" in generale, una tragedia. 
Non sono mai stato tifoso; comunque mi dispiace che gli azzurri tornino a casa e, questa sera, dormirò ugualmente i miei sonni tranquilli.
Ricordiamoci, in fin dei conti, che si tratta pur sempre di un gioco, anche se dietro questo gioco girano cifre inimmaginabili di soldi e, forse, proprio i soldi, sono la causa principale della magra figura della nazionale di calcio. Però, nessuno di coloro che, per i prossimi giorni, ci tormenteranno con i diversi "processi" prenderà in considerazione  questa causa.
Tornando alla "tragedia", ritengo che ci siano ben altre tragedie nel mondo ed anche nella nostra "povera" (checché ne dica il solito S.B.) Italia. 

Con queste brevi considerazioni su un fatto di "importanza mondiale" chiudo per ferie estive un giorno prima (domani aderirò, con il mio blog, allo sciopero contro la manovra fiscale) e do appuntamento ai miei lettori a settembre.
Buone vacanze a tutti! 

6 commenti:

emilia ha detto...

Carissimo Sergio,
sperò che tornerai a Venezia per la regata storica il 5 settembre, così potremo incontrarci :) io sarò a Venezia dal 2 al 7 settembre

sirio ha detto...

Allora buona vacanza Sergio!
Quanto alla Nazionale di calcio, se il campionato del mondo fosse proseguito, avrebbe fatto altre pessime figure...parere personale, naturalmente!

Toni ha detto...

Caro Sergio,
lo sai bene: la penso come te, soprattutto per quanto riguarda i lauti compensi dei calciatori. Pensandoci bene forse ora gli Italiani avranno qualche minuto in più per meditare sulla nostre rogne.
In ogni caso, al diavolo il calcio e facciamo il possibile per goderci le ferie.
Auguroni e. . .a settembre.

stella ha detto...

Sergio, buone vacanze...e divertiti!

Daniele Verzetti il Rockpoeta® ha detto...

Buone Vacanze con tutto il cuore!

Giovanni Greco ha detto...

Ciao! Volevo comunicarti un cambio di indirizzo del mio blog denominato [Re]write di Giovanni Greco.
Qualora avessi ancora inserito nello scambio link, da noi concordato, il vecchio indirizzo: http://www.giovannigreco.eu/dblog
Ti prego di cambiarlo semplicemente in http://www.giovannigreco.eu praticamente togliendo la parte finale /dblog.
Grazie e a presto