lunedì 5 giugno 2006

Lettera sul "tanko" inviata a quattro giornali

Qui sotto la lettera che, in data odierna, ho inviato a:
- IL GAZZETTINO - (pubblicata il 15.6.2006)
- LA NUOVA VENEZIA - (pubblicata il 6.6.2006)
- IL CORRIERE DEL VENETO
- ilVenezia - (pubblicata il 6.6.2006)


Egregio Direttore,
mi riferisco alle recenti prese di posizione, di politici e non, per quanto riguarda la fine che dovrà fare il cosiddetto “tanko” usato il 9 maggio del 1997 da alcuni personaggi che qualcuno chiama “patrioti”. Ma quali patrioti! Erano solo fanatici, con un distorto senso della storia, coloro che (quattro pavani-ruzzantini) hanno, innanzi tutto, offeso la Serenissima. E non chiamiamoli più “serenissimi”! Serenissima è solo la Città!
Hanno commesso reati penali, fra i quali anche un dirottamento di un mezzo navale dopo averlo sequestrato, e per questo sono stati giustamente condannati.
Ora, però, non cerchiamo di creare degli eroi perché proprio non lo sono.
Quindi lasciamo che quello che qualcuno chiama “tanko” finisca alla demolizione e magari fuso perché non ne resti alcun pezzo in modo che non venga voglia di creare delle “reliquie”.
Ma dove sono i “molti veneti” che li considerano eroi? E’ stato fatto un referendum?
E’ solo un parere, senza alcun dato oggettivo, ed un misero tentativo di qualche nostalgico.
Prima dei veneti bisogna ascoltare il parere dei veneziani, gli offesi.

3 commenti:

Anonimo ha detto...

Mi spiace contraddirla, ma proprio non accetto che 8 EROI VENETI vengano affesi in tali modi! Sono EROI perchè hanno comunque risvegliato le coscenze dei Veneti, narcotizzate dagli arroganti gas romani! Si, hanno risvegliato le coscenze perchè, dopo il grande giorno ( non è il 9 bensì l'8 maggio '97 ) sventolare la bandiera della Serenissima è ritornato, per molti Veneti seri, momento di grande orgoglio. In merito al Tanko, spiace deluderla ma hanno ( non sò chi ma sicuramente non i Veneti Serenissimi ) pensato di metterlo all'asta e di non demolirlo; senza tanta pubblicità abbiamo ricevuto la ragguardevole cifra di € 80.000,00 di donazioni in neanche una settimana, segno che i Veneti evidentemente sono diversi da Lei e credono in anni di storia! Ovviamente lo abbiamo acquistato noi. Disprezzo e non solo per le parole che usa in merito alla condanna che gli 8 hanno subito: non entro nel merito, mi limito a dire che in 30 giorni ( sì, giorni, non mesi od anni ) sono stati processati e condannati: chi ammazza, dopo 30 giorni gli devono ancora preparare le carte per convocarli ai processi!!! Infine un'ultima considerazione, anzi 2: 1)Non serve creare eroi, EROI lo sono già!
2)se da veneziano ( e per il quale nutro dubbi che lo sia ) si sente offeso, può sempre andarsene, lasciando così un pò di spazio libero a disposizione di chi Veneto e Veneziano si sente veramente.
Saluti
Diego

sergio ha detto...

x Diego
Ribadisco:
gli 8, per me veneziano (non nutra dubbi), non sono assolutamente degli eroi e neppure serenissimi!

Toni ha detto...

Ma il sig. Diego ha mai letto la Storia? Si faccia spiegare cosa significa la parola "EROE".
"EROE" è chi dà la vita per una causa (e la Patria è una BUONA CAUSA);"EROE" è chi con coerenza e sacrificio pone la propria vita a servizio degli altri;"EROE" è chi non ha bisogno di azioni appariscenti per essere tale! Gli 8 per niente Serenissimi non sono nulla di tutto questo. Stanno bene in galera o al circo.
Un VENEZIANO DOC che ha il diritto di chiamarsi SERENISSIMO! ! !